Tag Archives: vacanze

Consigli per Lanzarote

4 Ago

Una vacanza splendida e un’isola che è stata proprio una bella scoperta.
Queste sono le uniche frasi dettate dal sentimento piacevole e personale di aver scoperto una Perla delle Canarie. Il resto sarà solamente una guida per chi vorrà intraprendere una vacanza a prezzi contenuti verso una meta ancora non troppo conosciuta e dalle spiagge quasi incontaminate.

Parto subito sfatando un taboo. Chi va alle Canarie è sempre spaventato da questo “fantomatico” mare gelido e ammetto che anche noi lo eravamo. Beh, state pure tranquilli, il mare nn è di certo un brodo, ma l’acqua fresca è davvero piacevole, oltre che splendida, soprattutto a Sud dell’isola.

Le Spiagge più belle sono indubbiamente quelle del “Papagayo“. Esattamente 6 calette tutte vicine e LIBERE, dal mare splendido, quasi mai agitato e con poca gente a popolarle.

Andando verso nord, l’unica che segnalerei è quella di Punta Mujeres, nei pressi di Arrieta, località dove si mangerebbe un ottimo pesce, dicono.

Tutta l’isola è accompagnata da un vento quasi sempre piacevole, tranne quando diventa incazzato e li stare in spiaggia diventa un toccasana per il sole cocente, ma anche una sfida a non riempire occhi e orecchie di sabbia.

Lanzarote è molto bella anche la sera. Ristoranti dove mangiar bene non mancano. L’isola è culinariamente contaminata dalle colonizzazioni spagnole, ma rimane qualcosa che si rifà di sicuro al posizionamento geologico africano.

Mangiare bene cmq non è difficile. La sola zona viva di Puerto del Carmen offre qualsiasi tipo di soluzione per gusti e prezzi.
Ci sarà andata bene, ma abbiamo sempre mangiato a modo spendendo non troppo.

Se volete mangiare pesce e mangiarlo bene, allora dovete andare a vedere la zona del Lago Verde (bellissimo al colpo d’occhio), quella di “El Golfo“. In questo spezzone di terra pullulano i ristoranti con “Pescado del Dia” e si mangia davvero bene a prezzi contenuti.
Andando via da El Golfo, di sicuro c’è da fare una puntatina alle scogliere di “Los Hervideros” e poi un giro per scattare qualche foto alle Saline. Davvero belle da vedere.

Lanzarote è un’isola scalfita da tre elementi naturali principali: il vento, il mare e la lava delle ripetute eruzioni del passato.
Girando per quest’isola talvolta ci si chiede se si è atterrati sulla luna. I paesaggi sono al limite del terrestre e vedere ettari di lava solidificata come scenografia dell’isola è davvero particolare.
Altra curiosità sulla lava è che gli abitanti che hanno una casa con giardino, hanno quasi sempre anche un appezzamento ben delineato di lava, quasi come fosse motivo d’orgoglio possederne un po’.

Le attrazioni dell’isola che consiglio sono: il “Parco Timanfaya“, l’emblema della forza delle eruzioni vulcaniche, dove ancora oggi si possono vedere geyser e piccoli passaggi lavici nel sottosuolo.
Consiglio anche il “Mirador del Rio“, praticamente una vista mozzafiato a diverse centinaia di metri d’altezza sullo stretto che divide Lanzarote da “La Graciosa“.
Sconsiglierei la visita a “Cuevas de Los Verdes” e “Jameos de Agua“, grotte vulcaniche che lasciano il tempo che trovano.

Non abbiamo visto la casa di Cesar Manrique, l’architetto/artista più famoso di Lanzarote, forse anche perché ad ogni angolo dell’isola che giri ti trovi una sua realizzazione.

Molto bello anche il mercatino domenicale di “Teguise“, pieno di oggetti lavici lavorati a mano o le bancarelle piene di creme d’ogni tipo all’Aloe, pianta onnipresente sull’isola.

La Capitale “Arrecife” credo che sia unicamente il crocevia per attraversare Lanzarote da Nord a Sud, ma a vederla sembrerebbe una città presa di mira da diversi ceppi scissionisti e non troppo sicura.

Consiglio quest’isola soprattutto alle giovani coppie, gruppi di Amici senza il mito “Ibizenco” (Divertimenti se ne trovano, ma di sicuro non ci si va per sballarsi) e le famiglie con bambini non troppo piccoli, visto che la maggior parte delle spiagge nn è raggiungibile senza percorsi sterrati e i bar non sono sempre a portata di mano.

Il bello di Lanzarote forse è che ancora in pochi la conoscono e che tanti altri sono spaventati dal mare freddo, ma se avessi potuto fare un’altra settimana, mi sarei trattenuto volentieri.
Paesaggi, sole, mare e cibo buoni sollazzano l’animo e il corpo.

I prezzi sono ancora bassi. Una settimana per due persone con pernotto, voli e macchina a noleggio (indispensabile per girare ovunque) costano poco più di 1000€. Il resto è a discrezione del vostro portafogli.

Concludo dicendo che Lanzarote mi è rimasta piacevolmente dentro e chissà mai che tra dieci anni ci ritorneremo.

20130804-204552.jpg

20130804-204449.jpg

20130804-204437.jpg

20130804-204354.jpg

20130804-204338.jpg

Buoni propositi…

18 Set

Mai come quest’anno, sono ritornato a casa e mi sono subito dovuto immergere nel lavoro. Ovviamente questo non mi dispiace affatto, anche perché quando sono meno occupato divento sclerotico e scontroso… insomma, sono un tipo di persona che si ammala a star ferma, nonchè una di quelle che al 3° giorno di vacanza comincia a sentire quella strana voglia di “stressarsi” sul lavoro ed immergersi tra le mille difficoltà di chi ha scelto un cosiddetto impiego artistico.

Questo è una anno un po’ particolare, forse perché è l’anno dei miei 30, quindi sempre per il carattere di… merda che mi ritrovo, comincio a voler correre ancora di più di quanto già faccio.

Ogni anno noi tutti negli ultimi giorni di vacanza cominciamo a buttar giù nella nostra mente gli stramaledetti buoni propositi per il nuovo anno lavorativo alle porte… ma quest’anno ho agito d’anticipo e sono ben contento d’essermi fissato degli obiettivi di gran lunga prima di partire per le vacanze. Questo è un bene per il mio livello d’organizzazione, ma un male in quanto ho già la casa piena di post-it e l’agenda del telefono che continua a ricordarmi quante cose ho da fare e quante altre devo proporre in giro.
Bhè dai… forse solo averlo scritto da tutte le parti ed essermi organizzato anzitempo mi fa sentire a metà dell’opera 😉

Detto ciò mi auguro davvero che l’economia si riprenda un po’ e che si sblocchino determinati meccanismi televisivi, in quanto ho un format che nn vedo l’ora di vedere in onda, ma soprattutto nn vedo l’ora di sapere che ne pensate voi 😉

Incrociate le dita per voi stessi, credete nelle vostre capacità e portate a termine almeno uno dei buoni propositi prefissati… del resto sono sempre gli stessi: “trovare un buon lavoro, imparare una lingua nuova, andare in palestra………………..” etc. etc. etc.

Immagine

Calcoliamo il nostro livello di Stress!

21 Giu

Anche quest’anno puntuale come un orologio, arriva un po’ per tutti lo STRESS! Un nemico quotidiano che sembra farci dispetti e ci fa esaurire in un momento dell’anno dove l’unica cosa che desideriamo fare è mettere le chiappe nel mare e dimenticarci di tutto il resto.

E’ da qualche anno ormai che ho imparato a calcolare il mio livello di stress in base ai miei discorsi con gli oggetti inanimati… bhè detto così potrebbe sembrare una frase da psicopatico, ma vi assicuro che non è così o quantomeno mi riservo d’esserlo solo un paio di mesi all’anno 😉

Ammettiamolo: TUTTI ad un certo punto dell’anno cominciamo a prendercela con gli oggetti, quasi come se ci facessero dei dispetti, come se “vivessero” in funzione di farci esaurire ancora di più…

Avete presente quelle volte che ci cade una moneta da 2€ e puntualmente va a ficcarsi nel posto più lontano dai nostri piedi e ostico da raggiungere?! oppure quella volta che il pc si blocca proprio prima che dobbiamo uscire di casa (ovviamente in ritardo) o ancora peggio, quando non troviamo le chiavi di casa o della macchina che invece in qualsiasi altro momento della giornata (quando non ci servono) sono sempre davanti a noi?!?

Di momenti come questi ne esistono a centinaia e ognuno ha i suoi “preferiti”… Fanno parte della vita, ma in fase di stress diventano ostacoli animati che prendiamo come provocazioni personali al nostro già Super precario equilibrio!!

Le uniche persone che (forse) non soffrono di tali stress sono quelle che anziché prendersela con gli oggetti inanimati, lo fanno direttamente con le persone, ma chiaramente non mi sembra un ottimo rimedio schiaffeggiare qualcuno eheh…

Non so se a tutto questo esistano rimedi, anche perché se non li avrei scritti, ma di sicuro una bella vacanza allevierebbe una buona parte di scleri quotidiani 😉
Nell’attesa di mettere (per l’appunto) le chiappe a mollo in qualsivoglia bacino idrico, vi consiglio dosi massicce di MAGNESIO e POTASSIO, che, innegabilmente ci danno una calmata ai nervi 😉

Ora vi lascio… scusate, ma non trovo più il carica batterie del cellulare e sono convinto che quello stronzo si sia nascosto apposta per farmi incazzare!!!!!!!!!!!!!!

Immagine

…”invecchiando” apprezzi i piaceri della vita…

22 Apr

Mi sono guardato bene dall’inserire delle gran belle virgolette sulla parola “invecchiando”, un po’ per difendermi dai capelli bianchi che avanzano e un po’ perché non si è mica vecchi all’alba dei 30 anni…
C’è una cosa però di cui mi sono accorto negli ultimi mesi, forse nell’ultimo anno: comincio ad apprezzare i cosiddetti veri piaceri della vita, tipo: andare a fare una gita in bici, rilassarsi sul prato in una giornata di sole, andarsi a fare una bella mangiata fuori senza guardare l’orologio o solo stare al sole come lucertole.
Con questo non voglio dire d’essere diventato un bradipo, anzi… ma mi rendo conto che anch’io ho bisogno di recuperare e questo mi piace.

Essendo sempre stato una persona che va a mille all’ora, che fa fatica godere del momento (perché già intento a pensare cosa verrà dopo), non vi nego che solo oggi apprezzo quanto ho avuto in passato e quanto forse dovevo godere di più del momento. Come si dice… questione di carattere.
Ho sempre avuto la sindrome del “FRITTILLO” e come dice mia madre ho avuto fretta anche quando dovevo uscire dalla sua pancia e infatti l’ho fatto con una settimana d’anticipo 😉

Ringrazio d’essere sempre stato “sul pezzo”, e ora come ora, appunto forse grazie anche alla crescita ho sempre i traguardi ben davanti agli occhi, ma ho imparato a fermarmi, riflettere e perché no, prendermi del tempo per me che non sia puramente lavoro.

Non vedo l’ora di “schiattarmi” al sole per un paio di giorni oppure andare a a fare 2 giorni in Slovenia col mio amico Fabio, come gli ultimi 2 anni… (lui che ha sempre detto: vedrai che comincerai ad apprezzare i piaceri della vita), insomma ragazzi… W il Relax, soprattutto se serve a ripartire con le batterie cariche.

Qualcuno una volta mi ha detto: “Tu schiacchi sempre al massimo e ti trovi a farlo continuamente anche quando sei in riserva”… utilizzando un termine automobilistiuco: questo non fa bene al motore e ci potremmo rompere… nel mio caso quando sono stressato comincio a prendermela con gli oggetti… una scena raccapricciante che per fortuna non capita più come prima, ma anche di questo argomento ne parlerò prossimamente 😉

Voi come vivete la crescita verso l’età adulta? Capita anche a voi di dovervi fermare e apprezzare i momenti di relax o vi comportate come se aveste sempre il fuoco sotto le chiappe??? 😉 scrivetemi un commento!!

Cit. by LINUS: “DEPRESSIONE POST PARTY”

8 Feb

Negli ultimi giorni mi sto appassionando sempre di più al Blog di Linus e nel rileggere questo suo post, devo dire che mi ci sono rivisto terribilmente… ve lo ri-posto qui sotto:

Il titolo è di Nicola, e rende bene l’idea. È una di quelle cose un po’ mitologiche tipo le malattie somatiche, tutti ne parlano ma poi sarà vero? Io mi ammalo sempre durante le vacanze, quest’anno mi sono salvato il Natale ma dopo la scorpacciata di emozioni dell’ultima settimana sono crollato appena arrivato il weekend. Che ho passato tra il letto e il divano, in tuta come uno di Scampia. Una Scampia siberiana, visto il paesaggio e le temperature. La cosa più difficile è stata sopportare la ripetitività dell’informazione televisiva, che sicuramente parte dal presupposto che nessuno guardi lo stesso telegiornale in due edizioni diverse. Le notizie, i servizi, le immagini, sono praticamente sempre gli stessi. Si, forse il segreto è non guardarli proprio.

Dopo averlo letto, non mi sono risparmiato dal rispondere… ecco cosa ho scritto, vediamo se siete d’accordo insieme con me:

Ciao Linus, devo dire che questo titolo è davvero azzeccato e sono inoltre convinto che almeno la maggior parte di noi “followers” di Deejay abbiamo provato la stessa emozione dopo la festa. Io ho definito il mio post-#grandeda30anni: “I GIORNI CHE SEGUONO IL RITORNO DALLE VACANZE”… insomma, uno strano magone che ti porti dentro, come se un pezzo di te l’avessi lasciato davvero “in vacanza”.
Mi ritrovo tantissimo in questo post e ringrazio Nicola per il titolo, neppure troppo metaforico ;)
Anche per questo mi sono guardato e riguardato il video omaggio che ho fatto per la festa:http://youtu.be/lM4FuXlLlpE
La prima parte contraddistingue la mia anima da Pirla, la seconda è PURA EMOZIONE…
Grazie per la letta!!

Tendiamo ad occupare il tempo che abbiamo a disposizione?!?

25 Gen

Capita a tutti nella vita di arrivare a casa dopo una giornata inconcludente o quasi… Per alcuni può sembrare pacchia: del resto cosa c’è di meglio di una giornata di poco lavoro per svagarsi, rilassarsi, pensare alla lista della spesa, le prossime vacanze etc ???
Beh Amici… Io saró ANORMALE, ma queste giornate le odio!!
Sono totalmente incapace di gestire i cosiddetti Tempi Morti, le attese, godermi il tempo a disposizione prima di ritornare a BOMBA su mille progetti.
Il mio caro amico Andrea qualche giorno fa mi ha detto una frase sacrosanta che in effetti mi somiglia parecchio che scrivo qui di seguito: “siamo come il gas, tendiamo ad occupare lo spazio che abbiamo a disposizione…, spazio inteso come tempo ovviamente…
In effetti è così per molte persone, tra le quali ci sono anch’io: se abbiamo da fare 2000 cose, magicamente ci riusciamo nel poco tempo che abbiamo a disposizione, magari lamentandoci di nn avere tempo sufficiente e invece CE LA FACCIAMO SEMPRE!!! Quando invece abbiamo le giornate piuttosto libere, paradossalmente concludiamo la metà delle cose nel medesimo tempo che abbiamo a disposizione.

Scusate se sembro criptico, ma da inizio anno ho avuto delle scelte lavorative da fare… Scelte che mi piace considerare investimento, ma caspita quanto è strano doversi riadattare a degli standard molto più concettuali e riflessivi, per me poi che ho un carattere DINAMICO, IMPULSIVO, insomma un Vulcano sempre in procinto di scoppiare (positivamente s’intende)…
La prima fase del mio “dietro le quinte” autoriale è molto concettuale e nn nego di star imparando molto, ma che nervi ragazzi quando vorresti scendere in campo in prima linea e invece devi metterti li a pensare, ragionare e PONDERARE I TEMPI E LE SCELTE GIUSTE per un buon prodotto!!!

Sono/Siamo in procinto di un prossimissimo startup televisivo, quindi devo IMPARARE AD ASPETTARE… Del resto porca miseria: NON SI SMETTE MAI DI IMPARARE!!

La Morale della favola ragazzi è che INVIDIO DI BRUTTO tutti coloro che sanno GODERSI i tempi morti, i pochi impegni e così via.. SU QUESTO CREDO PROPRIO CHE NN CI RIUSCIRÓ MAI :)))

Buona Serata Ragazzi e accettate un consiglio: se partite per le vacanze non portare con voi note boom, iPad e altre tecnologie!!!! Fatelo anche per me, visto che io lontano dai miei impegni, progetti, lavori e idee proprio nn ci so stare!!!! :)))

claudia genolini

"La Vita è troppo bella per essere insignificante" C. Chaplin

Social Girls

Il blog (semi serio) di @cristinasimone

postumano

umanesimo, postumanesimo o transumanesimo?

VdiC - Vomito di Caramelle

1. Esternazioni violente su ciò che è fatto male 2. Respect per tutti gli altri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: