Archivio | Recensioni varie RSS feed for this section

I 10 Dj che fino ad oggi mi hanno fatto saltare di più in Console!

23 Giu

In questi ultimi 10 anni, ho avuto la possibilità di vedere un sacco di Dj in console, nel loro VERO, autentico habitat naturale.

Per me il Dj, è innanzitutto un ANIMALE DA PALCO, capace di saltare, far saltare e coinvolgere dal primo all’ultimo elemento presente in pista, grazie alla grande capacità empatica, il carisma e un’innata passione per la musica: tutti elementi questi, con i quali si nasce. Certo, elementi che il tempo può affinare, ma che di sicuro risiedono nel DNA.
Per la serie: ce l’hai o non ce l’hai!

Grazie alla mia collaborazione con Wonder Manage (di sicuro la migliore realtà di Booking Internazionale sul territorio Italiano), ho avuto modo di ascoltare anche un sacco di giovani, già stra famosi all’estero che mi hanno davvero affascinato.
N.B. Parlo bene di WONDER perché è nettamente una spanna sopra i vari venditori o pseudo tali che ci sono in Italia… io sono solo un ragazzo fortunato, che ha avuto la possibilità di salire sul carro vincente 😉

Detto questo, spesso i ragazzi mi chiedono: “ma chi sono i più bravi in console“?, “chi sono quelli che ti hanno stupito di più“?

Ecco, io ho un vero e proprio problema con le classifiche. Non riesco mai a farne di definitive, ma di sicuro i 10 Dj o coppie di Dj che metterò qui sotto, sono tra quelli che mi hanno stupito di più. Non tanto per il gusto musicale o per le produzioni che hanno nel loro CV, ma tanto quanto per quello che averete capito, io chiamo e si chiama: CARISMA!!! Un elemento IMPRESCINDIBILE per chi lavora in Console!

Ripeto: solo quelli che fino ad ora ho avuto la possibilità di vedere dal vivo.. 😉

Scriverò unicamente chi sono e la provenienza. Se volete saperne di più, cliccate sul loro nome per accedere alle loro pagine Facebook.

  1. ROUL AND DOORS: Olanda
  2. SUNNERY JAMES & RYAN MARCIANO: Olanda
  3. FIREBEATZ: Olanda
  4. GROOVE ARMADA: Inghilterra
  5. SWEDISH HOUSE MAFIA (in particolare STEVE ANGELLO): Svezia
  6. STEVE AOKI: Stati Uniti
  7. DEADMAU5: Canada
  8. DJS FROM MARS: Italia
  9. CHEMICAL BROTHERS: Inghilterra
  10. LUCIANO: Svizzera

Tutti loro per un motivo o per un altro, mi hanno fatto sentire orgoglioso d’essere un Dj e felice di aver “perso” qualche ora di sonno senza che in console ci fossi io.

Guardate i live di questi Artisti e prendete spunto, costruendo una vostra personalità!!!

Questa sì che è gente che si sa muovere dietro una console… Non come tante mummie musone con le quali mi è (anche) capitato di lavorare.
Yo

20140623-220227-79347685.jpg

Annunci

Abdotto dallo SHINE

23 Feb

Pochissime ore di sonno, occhi di cartone e sguardo puntato sulla carrozza del treno vuota.
È così che mi preparo al ritorno a casa, dopo aver suonato fino a poche ore fa allo SHINE, locale della cosiddetta “zona bene” di Napoli.

Ero convinto potesse essere una bella serata, ma devo dire che le mie aspettative sono state anche superate.
Guardavo sul calendario questa data, con la smania di quello che ha iniziato solo da poco tempo a fare questo lavoro. Un’emozione che mi ha accompagnato costantemente tutte le volte che ho messo i dischi nella mia città. Quasi come se avessi una responsabilità verso le mie origini e per chi, come nel caso di questa serata, ha creduto in me, tanto da “spammare” il mio faccione su qualsiasi Social Network per un’intera settimana.

Se possibile, questa volta, l’emozione era anche un po’ diversa, perché mancavo in città (e nn in provincia) da più di un paio di anni e volevo davvero fare bella figura.

Spero di aver rispettato le aspettative dei LOVELY, gruppo organizzativo super affiatato a cui auguro tanti e tanti successi, se possibile anche più di ieri, dove i tavoli in festa erano più di 40 e il locale strabordava.

È stata una grande serata, un ritorno emozionante e porterò dentro di me per molto tempo l’immagine di quelle migliaia di mani al cielo, delle luci dei bengalini e il suono inconfondibile di Napoli che canta quando abbassi di proposito il canale della musica!!

Se c’è una cosa di cui sarò sempre orgoglioso, è quella d’essere Napoletano… Criticano molto questa città, ma il rovescio della medaglia mi conferma che su alcune cose abbiamo proprio una marcia in più 😉

Sono stato abdotto dallo SHINE e rapito totalmente dai LOVELY: una vera e propria sindrome di Stoccolma!!

Vi consiglio vivamente di andare in questo locale e godervelo tutto – ne vale proprio la pena.

GRAZIE A TUTTI!!

Qui di seguito un po’ di foto da backstage, in attesa di quelle ufficiali 😉

20140223-125710.jpg

20140223-125721.jpg

20140223-125549.jpg

20140223-125623.jpg

20140223-125612.jpg

20140223-125634.jpg

20140223-125601.jpg

20140223-125644.jpg

20140223-125700.jpg

10 vecchie pubblicità indimenticabili!

10 Dic

Oggi mi sono imbattuto su un canale Youtube che ha tantissime pubblicità degli anni ’80 e devo dire che ho fatto un bel tuffo nostalgico nel passato…

Ce ne sono alcune che avevo rimosso, altre indimenticabili e altre ancora che non ricordavo neppure…
Sicuramente chi ha meno di 20 anni farà tanta fatica a ricordarle, ma per i meno giovani, via al treno dei sentimenti 😉

Mi vengono in mente ancora oggi domande che mi facevo quando ero piccolo, tipo: “ma chi è l’uomo del monte” oppure “perché tutte quelle donne urlando EGOISTA” e ancora: perché a quel professore tutti rispondono “è mio”… ma di chi è quel palloncino??? 😉

Qui di seguito ne pubblico 10, ma se me ne vengono in mente altre, ricordatele voi 🙂

  1. L’UOMO DEL MONTE: http://www.youtube.com/watch?v=pQLbol-icPc
  2. URRA’: http://www.youtube.com/watch?v=dXN9D2oCIP4
  3. EGOISTE: http://www.youtube.com/watch?v=5GeWwB_ig-Y
  4. Y10: http://www.youtube.com/watch?v=kKs-ZD1-yH0
  5. CIRIBIRIBI’ KODAK: http://www.youtube.com/watch?v=YbmVhY-TYZ0
  6. FRUIT JOY: http://www.youtube.com/watch?v=YcCoyBNBO3o
  7. AIDS PUBBLICITA’ PROGRESSO: http://www.youtube.com/watch?v=MRtWtX-njwc
  8. TABU’: http://www.youtube.com/watch?v=ce2ipWtrCQE
  9. PENNELLO CINGHIALE: http://www.youtube.com/watch?v=xOSWSI5iLR8
  10. MACALLAN WHISKEY: http://www.youtube.com/watch?v=nmuM4ona8XY

vecchi_spot300x200

Film che fanno emozionare i MASCHI!

6 Dic

Questo è un post completamente rivolto al genere maschile, forse il primo che pubblico da quando ho il Blog.

Diciamoci la verità, ci sono quei film che sono adatti solo a noi maschi… film che ci fanno sentire rozzi, gladiatori… bestie, ma che talvolta ci fanno anche emozionare… sì perché care donne, anche il Maschio si Emoziona, ma di certo non lo farà mai guardando “Pretty Woman”, “Ghost” o “Guardia del Corpo”… No Ca**o! Il Maschio si Emoziona per cose ben diverse e qui di seguito vi mostrerò quali sono le pellicole che fanno dire ad ogni maschio: “L’OMM E’ OMM E ADDA PUZZA’“………………… vabbè, questo forse è troppo, ma esprime al meglio il concetto… forse…

Qui di seguito ne ricordo alcuni…

  1. OVER THE TOP: il Film che più di tutti fa venire voglia di diventare padre!
    Chi non vorrebbe battere tutti a Braccio di ferro davanti al proprio figlio e scorrazzarlo in giro per gli Stati Uniti a bordo di un Camion.
    Momento #TOP: uno degli avversari che prima dell’incontro si beve una tanica d’olio da motore. 
  2. ROCKY (tutta la saga tranne il 5): ditemi quello che volete, ma questa è una delle Saghe più belle del Cinema.
    Guardando il primo ti viene quasi voglia di ricominciare come “riscossore di debiti” per sperare nella medesima carriera di Balboa.
    Quando muore Mickey, non c’è uomo che non abbia pianto e tutto si ripete quando muore Apollo, anche se dura poco, perché subito dopo sale una carogna che ci farebbe stendere un Bisonte.
    Il 5° capitolo invece è una me**a… menomale che a 60 anni Stallone si è passato una mano sulla coscienza e ha chiuso la saga con il 6° capitolo.
    Momento #Top: Quando si allena in Russia, tutto accompagnato da una colonna sonora spettacolare. 
  3. Ritorno al Futuro: forse su tutti la mia saga preferita.
    Non c’è (EX) bambino che non aspetti il 2015 per avere lo Skateboard volante, le scarpe autoallaccianti, il giubbino autoregolabile e tutto il resto che si può vedere nel secondo capitolo della saga (peccato che almeno per 576 anni ancora non vedremo nulla di tutto ciò).
    Momento #TOP: tanti, troppi, ma quando Marty riparte con Doc appeso all’orologio, mi alzo sempre ad applaudire. 
  4. TOP GUN: tutti e sottolineo tutti guardando questo film abbiamo pensato almeno una volta: “quasi quasi faccio il pilota”.
    Giubotto di pelle, occhiali a specchio, Jet militare e la sera birra, rutto libero e baldoria nei locali malfamati… ma cosa vuoi di più?!?
    Momento #TOP: manco a dirlo, quando muore l’amico in volo. 
  5. SIN CITY: Che Capolavoro!
    Uno di quei film che forse una donna non capirà mai e a dire il vero anche un sacco di uomini, ma vedo in questa pellicola uno dei film più belli mai realizzati.
    Colori, testi, voci… tutto spettacolare e dark da far schifo!!!
    Momento #TOP: quando Marv fa a pezzi il Maniaco. 
  6. Hachiko: questo film indubbiamente farebbe emozionare anche una donna, ma credo sia fortemente maschile, forse per il rapporto che si crea tra il protagonista e il Cane.
    Non c’è volta che non lo veda che non pianga come una bambina di 5 anni alla quale tolgono la Barbie dalle mani.
    Momento #Top: tutte le volte che il Cane torna in stazione ad aspettare il padrone, che purtroppo non arriverà mai più. 
  7. 300: Un Fil Epico! Se poi lo analizzi bene ti rendi conto che è realizzato in un modo assurdo, da invasato e quindi Adattissimo a noi maschi!
    Gli Spartani che avanzano, i colori splendidi e saturi, “Questa è SPARTAAAAAA”… cioè ragazzi, qui siamo oltre!!!!
    Momento #TOP: “Spartani preparate la colazione e mangiate tanto, perché stasera ceneremo nell’Ade” – ma che te lo dico a fare…

Se dovessi fare una lista completa ci metterei due giorni, quindi ne ho buttai giù un po’, per far tornare  anche a voi (come a me), la voglia di rivederli tutti… magari con la vostra fidanzata, prontamente imbavagliata eheh – SCHERZO EH… prima che poi vi offendete e correte a guardare PRETTY WOMAN con un secchiello di gelato in mano.

Image

E’ sempre bello scoprire un Artista “nuovo”… KILLACAT

21 Set

Non ho mai fatto segreto di non amare troppo il Rap Italiano, non tanto per il sound, ma per alcuni personaggi, che a mio avviso sono sopravvalutati, ma questa è un’altra storia.
Vi voglio raccontare come invece ho scoperto una bella voce, un sound figo e un artista che (ahmé) ancora io non conoscevo.

Qualche giorno fa mi trovavo nella mia postazione in redazione a m2o e come ogni giorno mi apprestavo a trovare notizie per la puntata, mentre affianco a me uno dei ragazzi di Deejay Tv guardava un video.
Avete presente quella sensazione tipo: “ma questo chi è?” – poche note, qualche frase e un sound dal sapore soul mi ha letteralmente rapito. Poi, siccome sono curioso come un segugio, mi sono detto: “come faccio a non sapere chi è”, quindi ho chiesto ai ragazzi di chi fosse il pezzo che stavano ascoltando e la risposta è stata secca: “KILLACAT”!

Ammetto che per una buona mezz’ora non ho cercato più nessuna notizia per la puntata in radio, ma ho spulciato sul web qualche informazione in più su quest’artista ed è stato piacevole scoprire, che è un personaggio esistente sulla scena musicale già da diversi anni – ero io che non lo conoscevo (ancora).

C’è chi ascolta un cantante mezza volta e lo elegge a suo preferito, tessendone le lodi, quasi come se lo conoscesse da sempre. Un po’ come quelli che non hanno mai ascoltato un pezzo di 2Pac o Notorius B.I.G. e dicono d’essere “HIP HOP ADDICTED”… ma vaffa*****!

Nonostante lavori nella musica già da qualche anno, sono sempre felice di cascare dal pero e scoprire qualche personaggio figo, di cui ignoravo esistenza e discografia, ma soprattutto Amo spingere gli artisti non supportati dalle major e nel mio piccolo farli conoscere in giro.

Sono stato proprio rapito dal nuovo singolo di questo ragazzo, fai perché Amo la musica soul, fai soprattutto perché quando percepisco il VERO sentimento cantato a me vengono ancora i brividi.

Qualcuno di voi lo conoscerà già, ma per chi non sapesse di chi sto parlando e come me Ama gli artisti di nicchia, quelli “indie”, allora eccovi una piccola biografia:

KILLACAT è cresciuto, e forte delle sue passate esperienze nella scena reggae e dei numerosi featuring con alcuni dei più famosi rapper della Penisola (Ghemon, Mecna, Fedez, Mondo Marcio), ha trovato una nuova dimensione ancora ineditain Italia, che esplora i territori della musica urban dosando sapientemente soul, elettronica, arrangiamenti curati e una voce inconfondibile. “Non c’eri” è un brano dall’atmosfera ipnotica e dalle sonorità soft a supporto di liriche toccanti, che raccontano il desiderio di ripartire verso nuovi obiettivi per crescere e conoscersi.

Da sempre artista eclettico e versatile, il viaggio personale e artistico di KILLACAT è stato fortemente voluto, un percorso di ricerca che lo ha portato all’esordio solista dopo quasi dieci anni passati tra i club, le jam, i centri sociali di tutta Italia insieme al fratello Gioman, condividendo il palco con i migliori artisti reggae italiani e internazionali. “Non c’eri” anticipa il primo album solista di KILLACAT ed esce per Macro Beats, ormai un vero e proprio marchio di qualità tra le etichette indipendenti italiane dopo i successi ottenuti con gli ultimi album di Ghemon, Kiave, Mecna.  

Vi consiglio di ascoltare il suo nuovo singolo: “NON C’ERI”, che a mio avviso è SPLENDIDO e dopo magari, spulciare nel suo passato musicale su Youtube. Capirete che è veramente bravo e soprattutto ci mette il CUORE – fondamentale per chi vuole trasmettere un’Emozione.

Vi lascio il video e il link alla sua pagina Facebook: https://www.facebook.com/pages/KILLACAT/262693059142

Spero davvero di poterlo intervistare a breve su m2o.
Che bello quando scopri una nuova voce capace di emozionarti!

Image

Consigli per Lanzarote

4 Ago

Una vacanza splendida e un’isola che è stata proprio una bella scoperta.
Queste sono le uniche frasi dettate dal sentimento piacevole e personale di aver scoperto una Perla delle Canarie. Il resto sarà solamente una guida per chi vorrà intraprendere una vacanza a prezzi contenuti verso una meta ancora non troppo conosciuta e dalle spiagge quasi incontaminate.

Parto subito sfatando un taboo. Chi va alle Canarie è sempre spaventato da questo “fantomatico” mare gelido e ammetto che anche noi lo eravamo. Beh, state pure tranquilli, il mare nn è di certo un brodo, ma l’acqua fresca è davvero piacevole, oltre che splendida, soprattutto a Sud dell’isola.

Le Spiagge più belle sono indubbiamente quelle del “Papagayo“. Esattamente 6 calette tutte vicine e LIBERE, dal mare splendido, quasi mai agitato e con poca gente a popolarle.

Andando verso nord, l’unica che segnalerei è quella di Punta Mujeres, nei pressi di Arrieta, località dove si mangerebbe un ottimo pesce, dicono.

Tutta l’isola è accompagnata da un vento quasi sempre piacevole, tranne quando diventa incazzato e li stare in spiaggia diventa un toccasana per il sole cocente, ma anche una sfida a non riempire occhi e orecchie di sabbia.

Lanzarote è molto bella anche la sera. Ristoranti dove mangiar bene non mancano. L’isola è culinariamente contaminata dalle colonizzazioni spagnole, ma rimane qualcosa che si rifà di sicuro al posizionamento geologico africano.

Mangiare bene cmq non è difficile. La sola zona viva di Puerto del Carmen offre qualsiasi tipo di soluzione per gusti e prezzi.
Ci sarà andata bene, ma abbiamo sempre mangiato a modo spendendo non troppo.

Se volete mangiare pesce e mangiarlo bene, allora dovete andare a vedere la zona del Lago Verde (bellissimo al colpo d’occhio), quella di “El Golfo“. In questo spezzone di terra pullulano i ristoranti con “Pescado del Dia” e si mangia davvero bene a prezzi contenuti.
Andando via da El Golfo, di sicuro c’è da fare una puntatina alle scogliere di “Los Hervideros” e poi un giro per scattare qualche foto alle Saline. Davvero belle da vedere.

Lanzarote è un’isola scalfita da tre elementi naturali principali: il vento, il mare e la lava delle ripetute eruzioni del passato.
Girando per quest’isola talvolta ci si chiede se si è atterrati sulla luna. I paesaggi sono al limite del terrestre e vedere ettari di lava solidificata come scenografia dell’isola è davvero particolare.
Altra curiosità sulla lava è che gli abitanti che hanno una casa con giardino, hanno quasi sempre anche un appezzamento ben delineato di lava, quasi come fosse motivo d’orgoglio possederne un po’.

Le attrazioni dell’isola che consiglio sono: il “Parco Timanfaya“, l’emblema della forza delle eruzioni vulcaniche, dove ancora oggi si possono vedere geyser e piccoli passaggi lavici nel sottosuolo.
Consiglio anche il “Mirador del Rio“, praticamente una vista mozzafiato a diverse centinaia di metri d’altezza sullo stretto che divide Lanzarote da “La Graciosa“.
Sconsiglierei la visita a “Cuevas de Los Verdes” e “Jameos de Agua“, grotte vulcaniche che lasciano il tempo che trovano.

Non abbiamo visto la casa di Cesar Manrique, l’architetto/artista più famoso di Lanzarote, forse anche perché ad ogni angolo dell’isola che giri ti trovi una sua realizzazione.

Molto bello anche il mercatino domenicale di “Teguise“, pieno di oggetti lavici lavorati a mano o le bancarelle piene di creme d’ogni tipo all’Aloe, pianta onnipresente sull’isola.

La Capitale “Arrecife” credo che sia unicamente il crocevia per attraversare Lanzarote da Nord a Sud, ma a vederla sembrerebbe una città presa di mira da diversi ceppi scissionisti e non troppo sicura.

Consiglio quest’isola soprattutto alle giovani coppie, gruppi di Amici senza il mito “Ibizenco” (Divertimenti se ne trovano, ma di sicuro non ci si va per sballarsi) e le famiglie con bambini non troppo piccoli, visto che la maggior parte delle spiagge nn è raggiungibile senza percorsi sterrati e i bar non sono sempre a portata di mano.

Il bello di Lanzarote forse è che ancora in pochi la conoscono e che tanti altri sono spaventati dal mare freddo, ma se avessi potuto fare un’altra settimana, mi sarei trattenuto volentieri.
Paesaggi, sole, mare e cibo buoni sollazzano l’animo e il corpo.

I prezzi sono ancora bassi. Una settimana per due persone con pernotto, voli e macchina a noleggio (indispensabile per girare ovunque) costano poco più di 1000€. Il resto è a discrezione del vostro portafogli.

Concludo dicendo che Lanzarote mi è rimasta piacevolmente dentro e chissà mai che tra dieci anni ci ritorneremo.

20130804-204552.jpg

20130804-204449.jpg

20130804-204437.jpg

20130804-204354.jpg

20130804-204338.jpg

Giovani Artisti della Notte che mi hanno stupito.

23 Feb

Era qualche tempo che non guardavo con ammirazione gli Artisti che lavorano nel mondo della Nightlife, forse anche perché più passa il tempo e più l’improvvisazione in questo mestiere diventa padrona.

Non è difficile ormai vedere Vocalist che nascono come funghi solo perché si è soliti credere che tutti possono sparare “minchiate al microfono” oppure fare i Dj, perché tanto ormai ci sono i software che mettono i dischi a tempo e la musica si può scaricare da Emule o addirittura tirar giù con Keepvid da Youtube… mammamia che tristezza!!
Vabbè, i tempi cambiano e la maggior parte delle volte non vuol dire che migliorino, ma esistono dei micromondi da valutare bene.

Non scrivo questo Post per fare polemica, anche perché se no finirei domani, ma per citare tre Artisti della Notte che mi hanno davvero stupito, per quelli che io considero i cardini principali del successo: UMILTA’, PASSIONE e DNA ARTISTICO.

Mi piace citare le persone Brave, mi piace parlare di chi è davvero notevole e ci mette il cuore in quello che fa… anzi, considero sfigati quelli che commentano sempre con un: “si, bravino, ma ha ancora da imparare”… ma per favore… meno invidia please e più sicurezza di se stessi… qui c’è gente che fa parte di un sottobosco che da’ TANTA, MA TANTA POLVERE anche a quelli più blasonati.

In questo articolo vi segnalo due Dj e un Vocalist che ho conosciuto negli scorsi mesi in Terra Emiliana, regione da sempre attenta alla Nightlife.

  • GIANLUCA ZUNDA: Dj Producer, conosciuto alla Fonderia Italghisa di Reggio Emilia dov’è Dj Resident e Art Director.
    Gianluca è l’umiltà fatta persona, nonché un Dj con una passione e un’energia fuori dal comune. Conosciuto grazie al mio Fratellone Alex Nocera che mi aveva già parlato benissimo di lui.
    Nato in Italia nel 1984 da genitori argentini, si avvicina al mondo della musica all’età di soli 4 anni; studia pianoforte per dieci anni, prima da privato, poi al conservatorio di Reggio Emilia e a 13 anni si diploma in solfeggio e teoria musicale con il massimo dei voti.

Ecco il link del suo sito web dove potrete saperne di più: http://gianlucazunda.com/main.html

Immagine

  • MAICOL BASSI: Vocalist e Art Director dell’Astrolabio di Parma.
    Classe 1989, Maicol stupirebbe i migliori Vocalist Italiani per una serie di caratteristiche che credo lo porteranno davvero ad essere a breve uno dei NUMERI 1 d’Italia.
    Una Carica impressionante: balla, canta, vocalizza, ammicca e come se non bastasse è gentile e disponibile con chiunque. Anche la natura ha fatto la sua parte, infatti può essere considerato uno dei motivi per cui l’Astrolabio è pieno di ragazze, alcune di queste vanno proprio perché sanno di trovare lui.

Ecco un link dove potrete saperne di più: https://www.facebook.com/MaicolBassiVocalist?fref=ts

  • PAOLO BALDES: Dj e Organizzatore di eventi conosciuto all’XXL di Parma dove sono stato ospite due giorni fa.
    Soli 24 anni, quindi anche in questo caso, giovane, ma già molto bravo.
    Tecnica e professionalità su tutti i generi musicali, incentrati a far ballare con ritmo e senza sosta ogni tipo di discoteca.
    Paolo mi ha stupito per una Tecnica impressionante che farebbe venire la pelle d’oca anche ai Grandi Dj.
    Una scioltezza e una manualità non solo nel mixaggio, ma anche nello scratch. Insomma, sto ragazzo a mio avviso farà davvero tanta strada. Non a caso è uno dei finalisti del PIONEER DJ CONTEST 2013 e per quanto mi riguarda potrebbe vincerlo a mani basse.
    A fine serata gli ho detto più volte quanto secondo me sia bravo, ma credo non mi abbia preso sul serio eheh


Qui il video della sua presentazione al PIONEER CONTEST: http://youtu.be/vAuXCh5tyjk

Li ho conosciuti tutti nel giro degli ultimi mesi  e vi assicuro che è stato bello vedere quella passione che mi ha fatto ricordare quando ho iniziato io. La FAME, la Voglia di spaccare tutto e di dimostrare d’essere davvero Bravi!!!
Io ne ho conosciuti tre, ma sono convinto che li fuori ce ne siano un bel po’ che non vedono l’ora di dimostrare che non bisogna per forza avere dei nomi Super Blasonati per avere gli ingaggi migliori nei locali Italiani, che, lasciatemelo dire avrebbero bisogno di UN RESTYLING ARTISTICO TOTALE.


426038_443935625679259_1998241869_n

RICORDATE QUESTI TRE NOMI, perché faranno strada:

  • Gianluca Zunda
  • Maicol Bassi
  • Paolo Baldes

BUONA MUSICA E PASSIONE SEMPRE A TUTTI!!!!

claudia genolini

"La Vita è troppo bella per essere insignificante" C. Chaplin

Social Girls

Il blog (semi serio) di @cristinasimone

postumano

umanesimo, postumanesimo o transumanesimo?

VdiC - Vomito di Caramelle

1. Esternazioni violente su ciò che è fatto male 2. Respect per tutti gli altri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: